La scuola atomistica sorse alla fine del periodo presocratico e conobbe il suo periodo di maggiore diffusione nel corso della Sofistica perdurando fino all’età di Platone. Il fondatore della scuola atomistica, nonché autore della teoria atomica fu Leucippo anche di Leucippo non ci sono che giunte testimonianze indirette tra cui quella di Democrito, il maggiore rappresentante dell’atomismo nonché la fonte considerata più autorevole al punto tale che quando si parla di atomismo si fa sempre riferimento a Democrito oppure a Democrito-Leucippo.

Di Leucippo sappiamo pochissimo compreso un soggiorno presso la città di Elea, sicuramente posteriore al 450 a.C, nel corso del quale il filosofo di Mileto conobbe e fu discepolo di Zenone e dello stesso Parmenide. Si attribuiscono a Leucippo due scritti principali: La grande cosmologia e Sull’intelletto e si ricorda tra l’altro che questo filosofo fondò concretamente una scuola ad Abdera, nonostante Leucippo fosse nativo di Mileto. 

Democrito nacque verso il 460 a.C nella città di Abdera e visse una vita incredibilmente lunga spegnendosi alla veneranda età di novant’anni. Democrito fu allievo di Leucippo e studiò le dottrine di Empedocle e di Anassagora con il quale è probabile avesse addirittura intrattenuto rapporti personali. La tradizione attribuisce a Democrito un’enorme quantità di scritti, Piccola cosmologia, Sulla natura, Sulle forme degli atomi, Sulle parole, Sui colori, Sui Sapori eccetera. 

Purtroppo di questa considerevole mole di scritti a Democrito attribuiti rimangono solo scarsi frammenti che non consentono neanche di distinguere chiaramente l’apporto di Leucippo da quello di Democrito. E’ sicuro tuttavia che l’atomismo fu il più grande sistema materialista dell’antichità, la cui influenza sul pensiero moderno è innegabile anche se dell’atomismo di Democrito possediamo solo una serie di testimonianze indirette sulle quali sono sorti spesso dubbi e difficoltà interpretative. 

Con Democrito si chiude la fase del pensiero naturalistico attraverso una sintesi ragionata delle intuizioni avute dai suoi predecessori. Democrito è infatti il primo filosofo che esplicitamente si occupa di morale e di politica, agevolando il passaggio da un pensiero di tipo naturalista ad una filosofia maggiormente concentrata sull’uomo.

Il principio da cui partono gli atomisti affonda le sue radici nel pensiero di Parmenide ma alla proposizione eleatica principale che sostiene che l’essere è assolutamente, gli atomisti danno l’interpretazione che l’essere è indivisibile. Non si può pertanto pensare che le cose siano divisibili all’infinito come lo erano i semi di Anassagora, poiché, in tal caso, dividendosi all’infinito, le cose e la realtà stessa si risolverebbero nel nulla e se così fosse, non sarebbe più possibile alcuna aggregazione giacché il nulla non genera nulla. 

Deve perciò essere al fondo di ogni ente qualcosa di indivisibile che è l’essere, qualcosa di essenziale che gli atomisti chiamato atomo che significa appunto non divisibile. Parmenide sosteneva che l’essere aborre il non essere ma gli atomisti rovesciano anche questa proposizione interpretandola come l’impenetrabilità dell’atomo da parte del vuoto. Ciò non significa che il vuoto non sia, ovvero equivalga al non essere. Gli atomi e il vuoto sono insomma una rigorosa traduzione materiale dei principi logici dell’ eleatismo tanto che si può dire che il materialismo democriteo è una sorta di atomismo logico, cioè un atomismo non sperimentale come quello moderno che si fonda su dirette osservazioni strumentali. 

Gli atomi e il vuoto sono dunque i principi reali della natura. Gli atomi disposti nel vuoto si muovono eternamente in un vortice che ne determina meccanicamente gli scontri e dunque le unioni che danno la vita e la separazione che danno la morte. Ciò di certo non significa che la natura sia il regno del caso come lo intese Aristotele a partire dalla sua mentalità orientata al finalismo o come successivamente nel Medioevo, Dante scriverà ne La Divina Commedia che Democrito è colui che pone il mondo a caso. 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *