Il pensiero riformista in Europa centrale

Le 95 tesi e il servo arbitrio 

L’affissione delle 95 tesi di Lutero sul portale della cattedrale di Wittenberg rappresenta uno dei momenti cruciali della cristianità di tutti i tempi. Il monaco tedesco, esponendo queste tesi voleva dimostrare come il rapporto tra Dio e il Cristiano si fosse degenerato per colpa della Chiesa e per una serie di atti e di concessioni totalmente incompatibili con lo spirito religioso del buon cristiano, atti che al contrario denotavano tutta una serie ingiustificata di ingerenze della Chiesa di Roma nei confronti dei fedeli. 

Prev 1 of 1 Next
Prev 1 of 1 Next

La vendita delle indulgenze promossa da Papa Leone X nel 1515 e che era servita all’atto pratico al Pontefice per la ricostruzione della Basilica di San Pietro era un chiaro esempio della corruzione dell’alto clero, quasi fosse l’emblema di quella enorme distanza che si era venuta a creare tra i fedeli e chi avrebbe dovuto rappresentare Dio in modo più consono. La natura arbitraria e priva di giustificazione della vendita delle indulgenze viene bollata da Lutero come menzogna perpetrata dalla Chiesa ai danni dei fedeli per piegarli all’autorità della chiesa stessa e ai propri scopi temporali. 

Le 95 tesi di Lutero si prefiggevano di riformulare un nuovo spirito cristiano che ponesse la figura di Dio al centro, conferendogli una forza tale da non poter essere contrastata da alcuna mediazione terrena. Dio, infatti, secondo Lutero non dialoga con l’uomo; Dio decide in modo indipendente rispetto a ciò che accade nel mondo, destinando gli uomini a una fortuna particolare mediante un disegno che all’uomo non è dato conoscere, da cui la teoria del servo arbitrio luterano in contrasto con le dottrine erasmiane. L’uomo per Lutero non è libero ma deve cercare in modo remissivo di ricalcare con le proprie azioni, per quanto possibile, la vita di Cristo. La figura di Gesù è infatti centrale nel pensiero di Lutero specialmente dopo la sua riscoperta del Vangelo che porterà Lutero a elaborare una teologia definita come teologia della Croce che si fonda su 8 punti fondamentali che nascono dall’ elaborazione delle 95 tesi:

  1. Falsità delle indulgenze;
  2. Corruzione del clero;
  3. Servo arbitrio;
  4. Predestinazione;
  5. Atteggiamento remissivo;
  6. Individualismo ascetico;
  7. Riscoperta dei Vangeli ;
  8. Lettura incessante delle scritture. 

All’uomo non resta niente da fare se non affidarsi alla grandezza di Dio che ponendo l’uomo in una condizione di spaesamento rispetto alla sua stessa esistenza, si serve di un metro oscuro e insondabile per giudicare il singolo essere umano. Tuttavia, la grazia divina esiste e la teologia della Croce serve appunto a Lutero per trovare una giustificazione alla fede. L’uomo di Lutero deve donarsi completamente a Dio ispirandosi a Cristo perché secondo Lutero, la fede salva e non la bontà delle proprie azioni e delle proprie opere buone. La sola fede è per il monaco tedesco garante di grazia.

Autore: Lezioni e Dispense per la scuola e l'Università

Laureata con il massimo dei voti nel 2001 e Ph.D. in Filosofia. Ventennale esperienza nella didattica con studenti universitari, liceali e adulti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *