Il pensiero riformista in Europa centrale

Predestinazione e accumulazione: le basi della dottrina calvinista

Uno degli elementi più importanti del pensiero di Calvino è la teoria della predestinazione, motivo che lo stesso Lutero riteneva fondamentale per la religione cristiana. Gli elementi principali che Calvino trae dalla predicazione luterana sono:

  1. Assenza del libero arbitrio;
  2. Impossibilità e inutilità delle opere buone.
  3. Riferimento necessario e costante alle scritture come unica fonte di legge, di morale e di fede;
  4. La Fede come unica via di salvazione.

Tuttavia esistono differenze sostanziali tra Calvino e Lutero che riguardano soprattutto la considerazione della figura di Cristo; se Lutero proponeva un’immagine salvifica e imprescindibile per il buon cristiano, Calvino sosteneva che solo attraverso la figura di Dio è doveroso cercare la fede. Dio non pone alcuna mediazione tra sé e l’uomo e per questo motivo Dio è onnipotente e detiene la sovranità assoluta nei confronti del mondo e dell’umanità di cui ha già deciso le sorti. L’uomo da parte sua deve provare a rendersi conto della propria collocazione all’interno del disegno divino e affidarsi a Dio.

Il predestinato prescelto da Dio, al quale Dio ha riservato la salvezza avrà tuttavia determinate caratteristiche:

  1. Fede;
  2. Rettitudine;
  3. Partecipazione alla santità.

Poiché le azioni delle persone sono predisposte da Dio, l’uomo deve impegnarsi a svolgere al meglio le sue attività nel rispetto del ruolo che gli è stato dato all’interno della società dei fedeli: da questo deriva un concetto fondamentale del pensiero calvinista ossia la predestinazione nella concezione del lavoro. Essendo il lavoro un compito che Dio assegna all’uomo, il buon cristiano, per Calvino deve partecipare alla vita della comunità, lavorando con zelo e accumulando, perché l’accumulo di soldi è lecito, i soldi sono i proventi del duro lavoro e reinvestendoli il  più possibile, l’uomo è tenuto a trarne profitto.

È proprio tale aspetto dell’etica calvinista che ha poi portato tra fine Ottocento e inizi Novecento il filosofo e sociologo Max Weber a scrivere una delle sue opere più importanti, cioè L’etica protestante e lo spirito del capitalismo nell’anno 1904 per la precisione, scritto quest’ultimo in cui Weber correla la dottrina di Giovanni Calvino sulla predestinazione e la nascita del capitalismo che poi si svilupperà in epoche future, prendendo le dovute distanze da quanto espresso da Marx per il quale la religione o qualunque altra dinamica sovrastrutturale non può avere alcun effetto di causalità sulla sfera economica.

Weber sostiene invece che l’etica di una particolare mentalità religiosa come quella calvinista avesse contribuito a gettare le fondamenta culturali necessarie allo sviluppo del moderno spirito capitalistico. 

La visione del lavoro come dono ricevuto da Dio e come segno della grazia divina, spingeva i fedeli a impegnarsi e a investire i frutti della propria attività per generare nuove iniziative economiche ossia far fruttare quello che modernamente definiamo  “il capitale”.

Il fedele calvinista è dunque un uomo che con la sua operosità offre il suo personale contributo allo sviluppo e al progresso della comunità in cui vive e nello stesso tempo, facendo ciò, glorifica Dio poiché svolge con impegno il compito che Dio gli ha dato. Il successo lavorativo e la ricchezza che ne consegue diventano segni della grazia divina, anzi gli unici segni di essa che potrebbero suggerire a quell’uomo di successo la sua possibile appartenenza alla schiera dei predestinati. 

Questo aspetto del pensiero calvinista si attirò naturalmente la simpatia dell’operosa borghesia nascente che trovò in esso una giustificazione al suo continuo impegno verso la propria ascesa economica, a discapito, come sempre, dei poveri.

Autore: Lezioni e Dispense per la scuola e l'Università

Laureata con il massimo dei voti nel 2001 e Ph.D. in Filosofia. Ventennale esperienza nella didattica con studenti universitari, liceali e adulti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *